Trovare finanziamenti per aprire un’attività

Finanziamenti

Hai avuto un’idea geniale, sai che puoi monetizzarla perché hai fatto tutte le ricerche del caso ed il test nel mondo reale ha portato buoni risultati. C’è un problema però: non hai le risorse per portarla in vita e ti servono finanziamenti.

Personalmente, nella fase di Startup ho sempre cercato di autofinanziarmi, mai di prendere in prestito. Per fortuna le idee che avevo in mente potevano essere finanziate con poco, tanto olio di gomito e qualche favore qua e là. Ma facendo in questo modo, ho rischiato di fermarmi troppo presto o di ottenere un risultato finale troppo scadente per andare avanti. Non lo consiglio e non lo rifarei.

Se hai portato a termine tutte le fasi “teoriche” che ho elencato precedentemente, compreso quella di test (che è più pratica), allora non avrai nessun problema a trovare qualunque tipo di finanziamenti.

 

Cos’hanno in comune tutte le persone e gli enti a cui potresti chiedere di finanziarti?

 

La necessità di conoscere proprio i risultati delle ricerche e del test che hai fatto.

Mettiti nei loro panni. Tu cosa faresti se una persona ti dicesse: “ho un’ottima idea, non dormo giorno e notte pensandoci e sono sicuro che funzioni!”. Io gli chiederei: “Grande, hai tutta la mia attenzione. Parlami della tua idea e presentami qualche numero così che ti invio i finanziamenti al volo”.

Non puoi mica buttare soldi dalla finestra dandoli al primo che passa che è convinto che la sua idea è buona, senza chiedere dati e numeri?

No. Non lo faresti tu, non lo farei io e non lo farebbe nessuno.

 

Allora devi prepararti a rispondere alle loro domande e fornire tutto ciò che è richiesto

 

Sorpresa, hai già tutte le risposte! Infatti le domande sono:

  • Chi sono i tuoi concorrenti Lo sai da ricerca e analisi di mercato;
  • Come ti differenzi dai tuoi concorrenti (punti di forza e di debolezza loro e tuoi)? ⇒ Lo sai dalla ricerca di mercato e dalla descrizione della tua idea che hai fatto nel business plan;
  • Qual è la tua nicchia di mercato di riferimento (e target)? ⇒ Lo sai da ricerca e analisi di mercato;
  • Quali sono le capacità che tu e il tuo team avete per portare in vita l’idea? E quali vi mancano? ⇒ La risposta corretta te la darà l’analisi del rischio di investimento;
  • Quali sono le tue previsioni? ⇒ Lo sai dalle stime di ROI (Return On Investment);
  • Qual è la tua strategia d’azione? ⇒ Lo sai dalle strategie di marketing basate su Ricerca e Analisi di mercato (cosa fa concorrenza? E definizione caratteristiche del target) e dall’elenco di partnership strategiche elencate nel Business Plan;
  • Di quanti finanziamenti hai bisogno? ⇒ Lo sai dalle stime di finanziamento nel tuo Business Plan e dall’analisi di rischio per copertura rischi e perdite;
  • Quale sarà il tuo Break Even Point? ⇒ Lo sai dalle stime di ROI (Return On Investment);
  • A che punto sei? Hai qualche risultato tangibile o solo stime e teorie? ⇒ Qui cadono tutti. Questa è la domanda che differenzia il candidato buono quanto gli altri (quindi da valutar bene prima di finanziare) e quello da finanziare ad occhi chiusi. IL TEST! Dagli tutti i risultati del test ponendo l’accento sugli aspetti positivi, sulle potenzialità del progetto e sulle conferme alle teorie che i test hanno portato.

Quindi hai capito che tutto ciò che hai fatto finora non serve solo (e soprattutto) a te ma anche agli investitori?  Ora non aver paura di contattarli, con questi dati alla mano sei in una botte di ferro!

 

Per aiutarti, elenco una lista di tipologie di finanziamenti che potresti richiedere

 

Siccome credo che le banche abbiano palesato la loro voglia di abbandonare il campo dei finanziamenti alle startup e per questo stiano lentamente scomparendo dall’economia reale, non elencherò alcun riferimento agli istituti bancari (i cui link ad offerte dedicate, scompaiono di continuo perché sono a tempo, quindi che li metto a fare?).

Ecco le vie sostitutive che stanno emergendo sempre di più:

Business Angel: è una persona che valuta la tua idea in maniera privata ed elargisce finanziamenti in cambio di una fetta della società che andrai a costituire. Simile all’Equity Funding ma in questo caso il finanziatore è uno solo ed è grosso.

Co-Founder tecnici: sono persone a cui puoi chiedere di entrare in società in cambio del loro lavoro e delle loro competenze. Ad esempio, se la tua idea richiede la creazione di una piattaforma online, un programmatore potrebbe essere un ottimo co-funder tecnico perché costruirebbe lui la vostra piattaforma. Se invece sei un programmatore, un co-funder tecnico potrebbe essere un Graphic Designer o un Business Developer, o entrambi.

Equity Funding: sono persone che valutano la tua idea su una piattaforma ed inviano finanziamenti in cambio di piccole quantità di “shares” (azioni) della tua società. Si differenzia dal Business Angel perché sono tante persone che mettono piccoli capitali e si dividono ad esempio un quarto o un quinto della tua società.

Crowd Funding: sono persone che ti seguono ed amano la tua idea. Sono disposti a pagare in prevendita per consentirti di avere abbastanza soldi per poter portare in vita la tua idea e spedire il prodotto/servizio comprato in prevendita. In alcuni casi puoi richiedere soldi anche in forma di donazione o in cambio di merchandising (maglietta col vostro logo o tazza a forma del vostro logo, ecc..).

Social Lending: sono persone che dopo aver valutato la tua idea su una piattaforma o grazie ad un intermediario, ti danno piccole quantità di denaro in prestito. Ovviamente si aspettano la corresponsione di un interesse e la restituzione di un prestito. Sono meno rigidi rispetto ad una banca, ma comunque dovrai rispondere al meglio alle domande elencate su.

Ecco, ora non ti resta che scegliere un canale e prepararti ad esporre le risposte alle loro domande!

Conosci altri canali? Altre metodologie? Ti hanno fatto altre domande? Scrivilo nei commenti qui o sul mio post su LinkedIn e ti risponderò.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top